.
Annunci online

raissa
Non è possibile fare a brandelli una magia e poi aggiustarla come si fa con un cappotto. (Emily Dickinson)


Diario


11 giugno 2012

Lei.

Non si era accorta di lei subito. Come ogni cosa nella sua vita. Il battito improvviso si sarebbe esaurito da li a qualche momento. Mentre la scoperta, il lento andare caratterizzava le cose durature. Quelle che ti costringono a crescere insieme. Mano nella mano.
Lei era stata così. Un lento muoversi, dentro. Un onda che non si sa da dove comincia ma cresce con il vento e il moto della terra. Inesorabile, ineluttabile si infrange sulla spiaggia modificandola in un istante, per sempre.

Per la prima volta avevo guardato in faccia alla leggerezza. Propizia come non mai. Salvifica freschezza. 

- La vita finisce per rapirci proprio quando pensiamo che ci stia chiedendo troppo. E affannosamente cerchiamo di darle tutto. 

Pensavo. Facendo di finta di studiare il modo di uscirne fuori.
Era più attraente lasciarsi andare. Sprofondare nel vuoto creato, amato. Unica compagnia. La solitudine di un amore andato ormai, irrimediabilmente finito. Ma quando non si ha la forza di se stessi si finisce per crogiolarsi nel dolore procurato da altri. Come ancora a schivare i naufragi.
Eppure naufrago lo ero già. Senza accorgermene avevo costruito la mia isola senza palme e dal mare calmo. Una tavola, a difesa della mia spiaggia.




permalink | inviato da raissa il 11/6/2012 alle 1:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     agosto       
 
 




blog letto 695350 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Confessioni
Sms
Caro Presidente
Caro Professore
Pensieri
Donne e politica
Emily
Vita da coach
Canzoni
Torino2006
Pare che...
Le foto di Raissa
Forza Walter

VAI A VEDERE

VAI A VEDERE:
AnnaMagnani
designerblog
emergency
fireondesign
amnesty international
Io, Watergate e l'Intervista
nessunotocchicaino
petizione costa ionica
QUELLI CHE ASCOLTO:
lacantatessa
fiorellamannoia
negramaro
Lina Sastri
bandabardo
QUELLI CHE LEGGO:
Blackqueen
PaolaTurciblog
PDN
Barbara
Ciruzz
Delfi
Egine
Eretico
francesconardi
Giorgio
Guevarina
Herbatonica
ilblogdicinzialeone
LastThule
lamiagemella:alzataconpugno
lavinzia
Marzia
NapolinoHaTraslocato
Nonsolorossi
Oltre lo specchio
Oranges
Raccoon
Teresa
Viaggio


Raissa7@email.it

QUESTO BLOG FA COME BUTTIGLIONE... USA LA BLACKLIST SOLO IN CASI DAVVERO ESTREMI!
'O SSAJE COMME FA 'O CORE
Tu stive 'nzieme a n'ato je te guardaje e primma 'e da' 'o tiempo all'uocchie pe' s'annammura' già s'era fatt' annanze 'o core.
A me, a me 'o ssaje comme fa 'o core quann' s'è 'nnamurato.

Tu stive 'nzieme a me je te guardavo e me ricev' comme sarà succiesso ca è fernuto ma je nun m'arrenn' ce voglio pruva'.

Po' se facette annanze 'o core e me ricette: tu vuo' pruvà? e pruova, je me ne vaco 'o ssaje comme fa 'o core quann s'è sbagliato.

(Massimo Troisi)


Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

CERCA